Arrivano le analisi dei Cinque Stelle sul depuratore, criticità dove i reflui lavorati giungono in mare

IMG_2742Come promesso il Movimento Cinque Stelle tramite il portavoce Nick Di Michele ha reso noto l’esito dei campionamenti eseguiti nelle acque di Termoli. I rilievi sono stati eseguiti in più zone e in alcune sono emerse le criticità inerenti alla vicinanza con il depuratore che si trova al porto sotto alle mura del borgo.

Da quanto emerso quest’ultimo, infatti, non lavorerebbe secondo i parametri di legge e le maggiori criticità si riscontrerebbero dove i reflui già lavorati giungono in mare.

Per il Movimento Cinque Stelle sarebbe bene interdire pesca e balneazione proprio in quelle zone, così da scongiurare spiacevoli episodi. Le analisi sono state possibili grazie all’apertura di un conto in cui sono confluiti fondi e somme concessi da cittadini desiderosi di sapere che cosa sta succedendo nel mare di Termoli che costeggia la zona antica della città.

Di seguito la nota pubblicata su Facebook:

 

ESITO ANALISI 1′ CAMPIONAMENTO.

Qui trovate le 6 schede dei prelievi effettuati in data 7 luglio .
(Valori limite di riferimento )
(Escherichia 500)
(Enterococchi 200)
Precisamente :
RIO VIVO SPIAGGIA LIBERA
LIDO CALA SVEVA /LIDO ANNA
LIDO PANFILO/LIDO MEDUSA
SINARCA LATO SPIAGGIA LIBERA
SBOCCO CONDUTTURA LIBERA SOTTO PAESE VECCHIO
DEPURATORE LATO LAVORI .
Ebbene le criticità gravi si riscontrano laddove i reflui già lavorati dal depuratore giungono in mare ( quindi il depuratore non lavora secondo I i parametri di legge) e sullo sbocco diretto a mare 11.800 e 8.500
Purtroppo li i valori sono altissimi.
Il sindaco dovrebbe vietare ogni attività di pesca e balneazione.
Per quanto riguarda i lidi ..i valori sono buoni.
Noi continueremo a monitorare facendo altri prelievi e ricercando anche altri elementi inquinanti.

 

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.