Referendum, “Perché è saggio dire no”. Il senatore Quagliariello presenta il suo libro a Termoli

img_5170“Perché è saggio dire no”, è il titolo del libro sul referendum presentato dal senatore Gaetano Quagliariello a Termoli. A dir il vero davanti ad una platea quasi desolante e per pochi intimi. Tuttavia Quagliariello, introdotto da Maurizio Tiberio ha ribadito le ragioni per le quali nelle urne sarebbe utile votare no e rispedire al mittente il referendum sulla riforma costituzionale proposto dal centrosinistra. Durante l’incontro si è parlato anche del neonato movimento proposto dal senatore Quagliariello.

“Idea” infatti è già approdato anche in Molise assegnando anche i primi incarichi. Il responsabile per la provincia di Isernia è Antonio Potena, quello per la provincia di Campobasso Annibale Ciarniello. Ci sono anche i responsabili per i comitati del no al referendum.

Su Campobasso Mario Colalillo, per Iserina Paolo Potena. Durante la presentazione anche l’introduzione del coordinatore regionale di Idea Francesco Pilone. Nel suo intervento invece Quagliariello ha ribadito di essere tra coloro che pensano che la costituzione debba essere rinnovata in quanto frutto di un nobile compromesso ma non si possono affrontare superficialmente problemi diventati gravi con l’avanzare della modernità.

“E’ una riforma sbagliata – ha detto Quagliariello – Noi avremmo avuto bisogno di nuove regole che unissero il Paese perché la Costituzione è di tutti e questa riforma invece, voluta dal Governo, divide il Paese in due. Non fa migliorare le cose nelle istituzioni, Non supera il bicameralismo che oggi è certamente da rivedere. Non risolve i problemi traStato e Regioni e soprattutto non da più stabilità al Governo. Prevede soltanto a corredo una legge regionale con cui il premier piglia tutto, come se giocasse ad asso pigliatutto. Oggettivamente non è quello che serve all’Italia”.

comments

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.