No tunnel, annunciata manifestazione di piazza. Intanto l’incontro al cinema Sant’Antonio per ribadire la contrarietà all’opera

img_6061I comitati no tunnel non si fermano e continuano una propaganda parallela al dibattito pubblico organizzato dal Comune e terminato lo scorso fine settimana. Con una conferenza stampa i comitati hanno annunciato una manifestazione che si terra’ mercoledì al cinema Sant’Antonio.

A seguire la nota che è stata diffusa durante la conferenza stampa:

“L’incontro con i cittadini di mercoledì 23 novembre continua le numerose iniziative promosse dai comitati referendari e dal coordinamento cittadino No tunnel per informare e sensibilizzare la popolazione su quanto sta accadendo in città. Il termine usato nelle locandine non è casuale: avremmo potuto chiamare l’iniziativa convegno, ma la parola incontro trasmette più chiaramente quello che per noi è il punto focale di ogni attività civica (e dovrebbe esserlo ancor di più per ogni attività amministrativa): il contatto diretto, l’ascolto e la discussione con i cittadini. Saranno presenti personalità di alto livello quali, il professor Rossano Pazzagli, docente dell’Università del Molise, la professoressa Gabriella Di Rocco, docente dell’università Lumsa di Roma e vicepresidente della sezione di Campobasso di Italia Nostra, l’architetto Michele Porsia, docente di teoria e tecnica della pianificazione presso l’università del Molise, l’ingegner Claudio Troisi esperto di pianificazione della mobilità sostenibile presso l’università Federico II di Napoli.

Si tratta di un appuntamento importante non solo per la qualità dei relatori invitati a parlare, ma anche e soprattutto perché sarà l’occasione per lanciare una grande mobilitazione popolare contro la vendita della città, bene comune di tutti i termolesi, ai privati.

E’ giunto il momento, infatti, di scendere in piazza e dimostrare pacificamente la nostra opposizione a questa scellerata speculazione edilizia, per gridare chiaro e forte il nostro No a qualunque decisione presa sul territorio senza la partecipazione e la condivisione della popolazione. L’incontro vuol essere un momento insieme di approfondimento e di militanza, perché senza basi di conoscenza e di studio non è possibile organizzare una resistenza seria allo scempio del territorio. E da più di un anno e mezzo i comitati hanno raccolto un patrimonio di informazioni fattuali e teoriche che hanno costantemente condiviso con i cittadini.

La serata di Mercoledì permetterà di ascoltare voci qualificate sul tema della pianificazione paesaggistica e urbanistica, della mobilità sostenibile (quella vera, non quella raccontata dalle favole del dibattito pubblico), della fragilità del nostro paesaggio costiero; e darà inizio alla mobilitazione che porterà ad una grande manifestazione popolare, di carattere regionale, nella prima metà di dicembre. Vogliamo ribadire che tutte le nostre attività, sin dalla prima richiesta di referendum cittadino, non si sono fermate al piccolo livello cittadino: noi chiediamo che l’istituto della consultazione diretta, presente solo a Termoli grazie all’impegno di consiglieri comunali illuminati, sia esteso a tutti i comuni molisani, e che la regione Molise lo inserisca nel proprio statuto, rendendo così reale la partecipazione dei cittadini al governo del territorio.

Quel governo che è di fatto reso impossibile dalla mancanza di una legge urbanistica regionale, indispensabile per ricondurre ogni intervento di trasformazione del territorio ad una dimensione di pianificazione condivisa e di controllo pubblico. Ed è questa legge che i comitati referendari ed il coordinamento No tunnel chiedono con forza, anche per bloccare altri eventuali agguati che svendano la bellezza, patrimonio di tutti, in nome dei profitto di pochi”.

comments

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.