Risultato fin troppo chiaro anche a Termoli: il no doppia quasi il si. Per tanti motivi

20161204_231852Plebiscito anche a Termoli dove il no doppia quasi il si. Forse Termoli è una città rancorosa sulla politica del Partito Democratico. Anche da queste parti è stato fin troppo dimostrato il modus operandi del senza confronto e dell’azione politica unilaterale ad ogni costo, ed adesso bisognerà correre ai ripari leccandosi le ferite agendo prima che sia del tutto tardi. Ma il primo segnale anche da Termoli è stato tutto per Matteo Renzi. La sua riforma costituzionale non è passata. Anzi, è stata doppiata da coloro che l’hanno definita una grande cozzaglia di un  rinnovamento che in fondo in fondo non esisteva. Ed a nulla in città sono valsi la rappresentanza amministrativa del municipio in quota Pd e la presenza di un onorevole del Partito Democratico che nell’ultima settimana ha bombardato stampa e cittadini con conferenze stampa per sottolineare la buona azione politica e governativa del governo Renzi. Nulla da fare, anche Termoli ha scelto il no ed in modo deciso. Di seguito i dati ufficiali diffusi dall’ufficio stampa del comune di Termoli:

“Si chiude la giornata elettorale con il 67,46% dei termolesi che si osno recati ai seggi per votare il referendum costituzionale.

Di questi 9088 sono uomini e 9166 sono donne. I seggi dove in percentuale si è votato di più sono il seggio numero 26 con il 74,48%, il seggio numero 23 con il 74,12%, il seggio numero 24 con il 73,24% e il seggio numero 9 con il 73,79%”.

A Termoli vince il NO con il 65,13%. 11811 cittadini hanno bocciato la riforma costituzionale contro il 34,87% dei cittadini, 6323 votanti, che invece ha votato SI’. In totale tra i 18254 votanti ci sono state 28 schede bianche e 92 nulle.

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.