Un fiume di persone ha accompagnato Don Ulisse nel suo ultimo viaggio terreno. Il prete amico di tutti

img_7264Una città sconvolta, una Diocesi in preghiera per la prematura scomparsa di Don Ulisse Marinucci. Il tempo sembra essersi fermato alle 18 del 31 dicembre 2016 quando Don Ulisse, 44 anni, a seguito di un infarto, ha cessato di esistere. Un attacco talmente brutale da non lasciargli nessuno scampo. In tanti oggi, 2 gennaio 2017, lo hanno voluto accompagnare nel suo ultimo viaggio terreno. Prima alla Madonna del Carmelo dove Don Ulisse Marinucci ha trascorso gli ultimi anni della sua vita come sacerdote.

Poi in Cattedrale al paese vecchio dove il fiume di persone non è riuscito ad entrare in chiesa. L’ampia cattedrale ed in piazzale antistante erano gremiti di persone tanto da dover ricorrere alla filodiffusione esterna per poter consentire a tutti di ascoltare il rito funebre.

Familiari, amici, conoscenti, parrocchiani lo hanno voluto salutare fino all’ultimo istante, fino al momento in cui è terminata la lunga messa officiata dal vescovo della Diocesi di Termoli e Larino monsignor Gianfranco De Luca e dall’arcivescovo di Pescara-Penne Tommaso Valentinetti che lo aveva preceduto nella conduzione della Diocesi del basso Molise. Un’omelia difficile da recitare pur nella consapevolezza della resurrezione.

Momenti introdotti da Don Benito Giorgetta che ha ricordato il ricco e nutrito cammino in terra di Don Ulisse. “Un cuore sempre aperto a tutti senza nessuna serratura”, tanti i passaggi in ricordo di Don Ulisse che hanno amplificato la sua azione come sacerdote che proprio il 31 dicembre stava per compiere un ulteriore atto di solidarietà verso i più bisognosi. Don Ulisse era infatti intento ad aprire le porte della Madonna del Carmelo per accogliere parrocchiani, poveri ed extracomunitari per festeggiare l’ultimo dell’anno.

img_7289fullsizerenderMa qualche ora prima il destino ha voluto diversamente per lui. Il feretro di Don Ulisse è rimasto aperto per entrambe le funzioni. Adagiato con la sua stola bianca con la quale era stato ordinato sacerdote, Don Ulisse ha portato con se anche il classico nodo marinaro in corda. Simbolo della sua grande passione per il mare. Ed anche questa mattina prima di giungere in cattedrale, il feretro è stato condotto al porto dove i pescherecci al suo passaggio hanno strombazzato augurandogli “buon vento”. Una funzione lunga ed interminabile, il feretro di Don Ulisse Marinucci è arrivato per le vie del borgo portato a mano. Dietro la lunga scia di persone che dalla Madonna del Carmelo lo ha condotto in cattedrale.

Significative e commosse le parole e gli elogi del vescovo Gianfranco De Luca e dell’arcivescovo Tommaso Valentinetti ai quali si è aggiunta una lettera di saluti di Domenico D’Ambrosio che aveva condotto la Diocesi di Termoli e Larino prima degli altri due e, prima di loro, aveva conosciuto il cammino di fede di Don Ulisse. In piazza ed in chiesa c’erano anche tante persone di San Giuliano di Puglia dove proprio all’inizio dell’ottobre del 2002 l’allora vescovo Tommaso Valentinetti lo aveva chiamato. Solo poco più di venti giorni dopo la tragedia del terremoto come prima grande prova per Don Ulisse Marinucci.

img_7274img_7291Una prova difficile che aveva però superato brillantemente portando la fede e la speranza tra coloro che soffrivano la perdita dei piccoli bimbi deceduti nel crollo della scuola Jovine. Poi Don Ulisse Marinucci era rientrato a Termoli aiutando concretamente il vescovo Gianfranco De Luca in cattedrale e conducendo un egregio lavoro alla Caritas Diocesana. Poi la chiesa di San Timoteo e la Madonna del Carmelo. Tantissimi gli attestati e le parole di stima nei suoi confronti fino al momento dell’ultimo saluto. Don Ulisse Marinucci riposa adesso all’interno del cimitero di Termoli.

Tante le personalità politiche e religiose che hanno partecipato alla funzione funebre di Don Ulisse. Una funzione in suo ricordo si terrà sabato prossimo alle 18 alla Madonna del Carmelo.

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.