Comprano su internet un telefono con soldi falsi, denunciati padre e figlio di Serracapriola e Campomarino

IMG-20170126-WA0002 (1)Nelle prime ore della mattinata di oggi 26 gennaio 2017, Carabinieri della Stazione di Campobasso e  del Nucleo Operativo Radiomobile, coadiuvati dai Comandi dell’ Arma di Campomarino (CB) e Serracapriola (FG), eseguivano delle perquisizioni personali e locali delegate dalla Procura della Repubblica di Campobasso nei confronti di padre e figlio rispettivamente 40enne e 19enne residenti in Serracapriola e Campomarino , entrambi già noti alle Forze dell’ Ordine, alla ricerca di banconote false. I due infatti, nel novembre 2016, in concorso fra di loro, truffavano un 52enne di Ripalimosani che poneva in vendita su internet un telefono cellulare e veniva pagato con 8 banconote da 50,00 euro di sospetta falsità riportanti tutte lo stesso seriale alfanumerico.

In particolare il 19enne si occupava della consegna dei soldi falsi alla vittima e da questa riceveva il cellulare, il padre la contattava preventivamente al telefono per pattuire l’ incontro. Le banconote venivano trattenute dalla Banca che le riceveva e che si avvedeva della palese anomalia. L’ odierna perquisizione domiciliare permetteva di rinvenire a casa del 19enne., a Campomarino, altre 2 banconote da 20,00 euro palesemente falsificate e riportanti entrambe lo stesso codice alfanumerico.

Nella circostanza i Carabinieri trovavano anche pochi grammi di hashish , riconducibili ad uso personale, per i quali il giovane viene segnalato all’ Autorità Prefettizia quale assuntore di stupefacente, 2 telefoni cellulari (ma non quello pagato all’ acquisto con soldi falsi ) ed alcune sim card di verosimile provenienza furtiva. Il tutto sottoposto a sequestro. I militari si trovavano di fronte anche a 6 petardi e 2 candelotti di costruzione artigianale, incartati grossolanamente, del peso di 50 /60 grammi circa ciascuno, che non riportavano alcuna identificazione sulla loro composizione né sulla loro provenienza e che venivano sequestrati per i successivi accertamenti.

Per questo motivo il giovane veniva deferito anche per fabbricazione abusiva di materiale esplodente. A casa di suo padre , in Serracapriola (FG) non veniva rinvenuto altro materiale ricercato. L’ attività di Polizia Giudiziaria si estendeva anche all’ abitazione di un altro 19enne , in Campomarino, conoscente del primo, che nello scorso dicembre era già stato deferito all’ Autorità Giudiziaria dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Campobasso, perché in compagnia del suo amico , avevano commesso un’ altro analogo reato acquistando un telefono da due ragazzi di Campobasso e pagandolo anche in quella situazione con sette banconote da 50 euro false e contraddistinte dal medesimo seriale alfanumerico.

Nell’ odierna perquisizione a casa di quest’ ultimo non veniva rinvenuto altro materiale illecito .

comments

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.