Tradizione e devozione, gli altari di San Giuseppe

IMG_9139Il custode del focolare domestico, San Giuseppe, è stato onorato anche a Termoli con la rinnovata tradizione degli altari.

Il Santo della Provvidenza, nell’antica tradizione contadina, scongiura la cattiva stagione e allontana la crestia permettendo buoni raccolti. Ecco perché, soprattuto nell’Italia meridionale, persiste l’usanza di erigere nelle proprie case gli altari in suo onore in occasione della ricorrenza del 19 marzo.

In un rituale che mescola il sacro al profano anche Termoli ha recepito, da tempi antichissimi, questa festività durante la quale, con una serie di coperte di pregio, viene allestito un tabernacolo al centro del quale si pone l’effige della sacra famiglia.

IMG_9135IMG_9137Accanto all’altare viene solitamente imbandita una tavola con cibi di ogni genere tra cui prevalgono le primizie proprio a simboleggiare l’arrivo della primavera.

La tradizione viene tramandata ormai da generazioni ed ogni anno la città risponde con entusiamo e devozione. Dall’altare allestito nella scuola dell’infanzia Pantano Basso dedicato a don Ulisse e alla sua passione per il mare a quella della scuola di Difesa Grande, da quello allestito in via Inghilterra dai parrocchiani di Gesù Crocifisso a quello nella sala parrocchiale di Santa Maria degli Angeli, da quello del gruppo folkloristico A Schaffette nella torretta belvedere a quello del gruppo A Paranze e della parrocchia di San Pietro e Paolo, a quello degli Amici del Borgo Vecchio.

IMG_9138Tutti gli allestimenti degli altari potranno essere visitati anche nella mattinata di domenica 19 marzo al termine della quale tutto il cibo imbandito sulle tavole sarà devoluto in beneficienza.

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 Termoli Live. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.